Ragnatela artificiale in idrogel: resistenza super con il 98% di acqua

| Seguici su:

Nel 1962, grazie alla collana di fumetti Marvel Comics, viene pubblicata per la prima volta una storia dell’uomo-ragno (spider-man); il successo fu così eclatante che ad oggi l’uomo-ragno è il primo personaggio Marvel (e il terzo in assoluto, dopo superman e batman) in fatto di notorietà al mondo, per ciò che riguarda gli eroi dei fumetti.

«Da un grande potere derivano grandi responsabilità.»
(Ben Parker al nipote Peter)

Oggi questa stessa frase potrebbe essere detta ai ricercatori dell’Università di Cambridge che in laboratorio sono riusciti a realizzare quello che da tempo era un “sogno proibito” della ricerca tecnologica, ovvero una ragnatela artificiale super resistente e con la fondamentale caratteristica di essere allo stesso tempo anche molto elastica, proprio come quella dei ragni.

Ragnatela artificiale in idrogel: resistenza super con il 98% di acqua

Da molti decenni la ragnatela di ragni è studiata nei laboratori scientifici di tutto il mondo per le sue incredibili qualità fisico-chimiche che la rendono appunto uno dei materiali biologici più elastici, facilmente lavorabili e resistenti al mondo e il cui “carico di rottura” è incredibilmente paragonabile con quello dell’acciaio di alta qualità.

Il precedente: la ragnatela in grafene

Già non molto tempo fa un gruppo di esperti dell’Università di Trento era riuscito a realizzare una sostanza molto speciale unendo le proprietà del grafene (un materiale composto da un singolo strato di atomi di carbonio) a quelle appunto della seta prodotta di ragni (in particolare i ragni a appartamento, quelli con il corpo piccolo e le zampe lunghissime, che appartengono a quel folto gruppi di insetti e animali ripugnanti che vivono all’interno delle nostre case).

I risultati di questa ricerca sono incoraggianti (ragnatele 4 volte più resistenti di quelle normali) ma ancora parziali e bisognose di ulteriori sviluppi. I ricercatori si dicono comunque fiduciosi di trovarsi sulla strada giusta e pensano che se mai riusciranno a fabbricare una ragnatela in grafene molto grande, questa sarebbe in grado di fermare addirittura un aereo in caduta libera.

La ragnatela in idrogel

Ma torniamo adesso alla scoperta recente dell’equipe di Cambridge: la ragnatela in idrogel, ovvero una sostanza che sorprendentemente si compone per il 98% di acqua e solo per il restante 2% di silice e cellulosa tenute assieme da particolari particelle.

Durante la lavorazione gran parte dell’acqua evapora e rimane la parte di gel, resistente e molto flessibile. Inoltre la lavorazione per ottenere l’idrogel è assolutamente “green” in quanto avviene a temperatura ambiente e senza l’impiego di sostanze chimiche e additivi, come avviene invece ad esempio per il nylon.

Ecco un video dove vediamo un macchinario mettere alla prova un piccolo frammento di questa ragnatela artificiale.

Qui sotto un’altra dimostrazione delle stupefacenti qualità dell’idrogel.

Prospettive di utilizzo

I materiali in fibra trovano oggi largo e diffuso utilizzo in molti aspetti della nostra vita quotidiana, anche se per fabbricarli occorre un grande dispendio di energia.

La ragnatela in idrogel, come abbiamo visto, oltre alle incredibili peculiarità intrinseche, è fabbricata a temperatura ambiente, cosa questa che in termini industriali è forse ancor più stupefacente e appetibile.

Gli ambiti di utilizzo di questa “ragnatela artificiale” sono tantissimi e nei campi più diversi: dalla produzione di caschi e quella delle ali degli aerei, dal filo chirurgico per la suture delle ferite ai giubbotti anti-proiettile per arrivare fino al tessuto dei paracaduti e alla pelle sintetica per innesti bionici.

Insomma, se la ragnatela in idrogel dovesse confermare tutte le ottime impressioni che ha già suscitato, entro pochi anni potrebbe non essere più così fantasioso veder scorrazzare qualche uomo-ragno tra i palazzi delle nostre città!

By continuing to use the site, you agree to the use of Privacy. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close