*/ /*

Monasteri più belli al mondo nelle spettacolari immagini dei droni

| Seguici su:

I monasteri incarnano da secoli il luogo di culto per eccellenza, al d là della religione che si prende in considerazione. Tutte, infatti, hanno sentito il bisogno, nella loro storia millenaria, di edificare dei centri isolati e privilegiati di contatto tra uomo e Dio, di spiritualità profonda e preghiera.

L’isolamento è un requisito di solito fondamentale di questi monasteri, perché è proprio nella natura umana il bisogno di prendere le distanze dal mondo e dalle necessità quotidiane terrene per potersi dedicare completamente, con anima e corpo, alla fede e al rapporto con l’ultraterreno (e con il proprio intimo allo stesso tempo).

Quando parliamo di monasteri solitamente ci viene subito alla memoria la “casa spirituale” del buddhismo, con i monaci tibetani vestiti della sola tunica arancione che si dedicano alla riflessione e alla spiritualità con il ritiro, il digiuno e attraverso l’esercizio dei mandala di sabbia.

Ma questa è una visione riduttiva dell’entità “monastero” in quanto in realtà ogni religione esistente hai i suoi monasteri e adesso andremo alla scoperta di quelli più belli e inaccessibili al mondo, attraverso anche le immagini spettacolari delle riprese aeree eseguite con i droni.

Monasteri più belli al mondo: foto e video spettacolari realizzati con i droni

L’etimologia della parola “monastero” parte da molto lontano e anche se questa parola entra nel linguaggio italiano solo nel XIII secolo d.c., la sua radice originaria (mónos, “solo, unico”), è già viva nelle lingue greche e medio-orientali. Da questa si passa a monakos (eremita), monastes (monaco) per arrivare così a monasterion, monastero.

Dunque, come avevamo anticipato già nell’introduzione, l’essenza stessa dei monasteri è il loro isolamento, la loro “solitudine dal resto del mondo”. Quindi, più inaccessibili e remoti sono, immersi solo nella natura e lontani da qualsiasi artificialità umana, e più saranno capaci di assolvere al loro compito di struttura idonea a favorire il contatto con il proprio sentimento religioso e la divinità.

La contemporaneità ha però trasformato il mondo, e con esso anche questi luoghi di culto, rendendoli oggi molto più accessibili di quanto non lo fossero secoli fa, soprattutto meta di pellegrinaggio e turismo religioso, cosa questa che ha reso ben più noti e conosciuti tutti i monasteri, e in particolar modo proprio quelli più belli e difficili da raggiungere, che ovviamente attirano di più l’attenzione del turista alternativo, alla costante ricerca di mete insolite e lontanissime da quelle del turismo di massa.

E questi luoghi impervi si addicono perfettamente ad essere ripresi dall’alto con i droni, immagini mozzafiato che vi lasceranno esterrefatti.

Monasteri Metéora, Grecia


I Monasteri della Metéora (letteralmente “sospesi nel cielo”), si trovano nella Grecia continentale e si snodano lungo un percorso che li unisce e che è possibile percorrere a piedi in pellegrinaggio. Sono costruzioni sublimi e incredibili, arroccate sulla sommità di rocce enormi che ti fanno domandare come sia stato possibile edificarli. Un tempo erano ben 24 questi monasteri di religione ortodossa, mentre oggi ne sono riamasti attivi soltanto sei; raggiungibili attraverso delle piccole scale scavate nella roccia, secoli fa lo erano soltanto attraverso funi e ponticelli, e dunque davvero inespugnabili.

Monastero Sant Miquel del Fai, Spagna


Il Monastero benedettino di Sant Miquel del Fai è situato in Catalogna e pur essendo di dimensioni ragguardevoli non ha mai ospitato, nella sua storia millenaria, più di sei monaci contemporaneamente. Un’ala della struttura è scavata direttamente nella parete di roccia retrostante e il paesaggio circostante, con la vicina cascata, lo rende un luogo veramente unico!

Monastero di Sumela, Turchia


Il primo insediamento (una piccola chiese rupestre) del Monastero di Sumela, in Turchia, risale addirittura al 389 D.C., e dunque veramente antichissimo. Leggenda narra che l’edificazione della piccola cappelletta fu realizzata a seguito della scoperta da parte di due viandanti di un’effige della Madonna sulla parete di una piccola grotta. Da lì in poi il sito religioso, collocato a circa 1200 metri di altitudine, fu via via ampliato, fino alla dimensioni attuali e sempre abitato.

Monastero Taktsang, Buthan

Monastero Taktsang, Buthan

Il Monastero Taktsang, denominato la “tana della tigre”, è uno dei più spettacolari templi buddhisti al mondo. Edificato ad un’altitudine di ben 3.120 metri, nell’esatto punto in cui il religioso Padmasambhava si ritirò a meditare e pregare per tre mesi nel lontano VIII secolo, colui che introdusse il Buddhismo in Buthan.

Monastero Taung Kalat, Birmania


Il Monastero di Taung Kalat, in Birmania, è un altro splendido tempio buddhista, situato sulla sommità del Monte Popa, un antico vulcano oramai spento. Arrivare a visitarlo vi costerà la fatica di 777 scalini e dovrete fare attenzione anche alle scimmie che tenteranno in tutti i modi di rubarvi il cibo!

Monastero Xuánkong Sì (Hanging Temple), Cina


Il monastero di Xuánkong Sì, in Cina, è chiamato anche il “monastero sospeso”, e non è affatto difficile capirne il motivo. La sua struttura sfida la gravità, e si tiene attaccata alla parete verticale, con ben 40 stanze collegate tra di loro da stretti corridoi labirintici. Il tempio si sostiene grazie a grandi pali di quercia infilati orizzontalmente nella roccia ed è forse uno dei rari monasteri al mondo in cui si praticano ben tre religioni differenti (confucianesimo, buddhismo e taoismo). E’ patrimonio dell’UNESCO ed è elencato anche tra i 10 edifici più pericolosi al mondo.

By continuing to use the site, you agree to the use of Privacy. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close